LA CHIAVE DELL’UNIVERSO

 


   Forse qualche sfortunato navigatore che si trovasse a cliccare sulla mia rubrica si meraviglierà del fatto che non vengano trattati argomenti specificatamente a carattere ambientale. Ecco la risposta. Sono essenzialmente convinto che non ci possa essere nessun miglioramento in questa “umana” società, se non si adotterà una speciale “educazione interiore”. Lo spirito o anima, o qualsivoglia nome si voglia dare, che risiede nell’essere umano, è contaminato e ispessito da una folte coltre di “note disarmoniche plasmanti”.
Cosa vorrò mai dire con questa frase sibillina? Premetto che a volte ho il timore di rivelare cose che, per volontà divina, devono rimanere in una certa sfera eterea ristretta, e quindi rivelate a poche e selezionate persone. Ma poi penso che chi mai leggerà questo articolo, se non avrà un particolare sostrato divino, difficilmente potrà assorbire quello che sto per dire. Quindi ascolti chi ha orecchi per ascoltare.

Dedico questo mio intimo discorso a chi è sulla via dell’incertezza, del dubbio e a chi è in cerca di se stesso e delle sue origini o, infine, a chi si è mai domandato PERCHÉ ESISTIAMO? QUAL’E’ IL SENSO DELLA VITA?

Natura, Uomo, Cielo. Qui risiede la chiave del mistero di tutte le cose. Come arrivare a capire queste tre entità. Perché esistono. Che cosa sono veramente.

Per poter accedere alla conoscenza reale di questi tre elementi ci si deve incamminare per una strada “tenebrosa” irta di pericoli, a causa dei quali si può cadere in una voragine senza via d’uscita. Il navigatore è avvertito! Riprendiamo così il nostro discorso.

Ogni creatura o elemento di questo universo è costituito, nelle sue infinitesime parti o nelle sue manifestazioni macroscopiche da “essenza divina” o “forze primigenie”. Queste per loro stessa natura sono ETERNE, IMMORTALI.

Dentro ogni essere umano, salvo eccezioni, esistono due strade:

  1. La via del destino (la zattera)

  2. La via del caso (il caos)

Cerco di spiegarmi meglio con il linguaggio umano convenzionale. Esiste dentro l’uomo la possibilità di arrivare a percepire le volontà divine, gli eterni principi universali e di esserne rivestito per diventare un elemento “essenziale” di questa realtà e farsi così trasportare dalle correnti divine, come su una zattera.
Da quest’ultima l’uomo essenziale percepisce i suoni dell’universo intero, le forze armonizzatrici della realtà, gli eventi futuri, i destini degli uomini, le voci infrasonorizzate degli animali, le vibrazioni negative e positive di ogni essere umano, l’afflato degli spiriti evoluti; i pensieri di entità extraterrestri. Insomma gli appariranno, nelle forme divine, le risposte alle due domande sopra citate.

La via del caso è quella percorsa dai distruttori delle anime pure incipienti, dagli attentatori degli equilibri naturali e psicocosmici, dagli ingabbiatori mentali, dai profanatori divini, dal religioso, dal servitore del dio denaro. A questi è riservato il buio eterno. La luna divorerà le loro membra.

Queste sono le due strade universali dell’essere umano. Questi ha avuto da sempre davanti a lui questo bivio. 

Questo mio discorso nasce dalle ceneri dell’autodistruzione della mia figura umana. Quel vestito di essere umano mi stava troppo stretto; ho dovuto bruciarlo per volontà divina. Adesso mi ritrovo, seppur in maniera del tutto eccezionale, a raccontare queste cose su un sito web, al quale va un mio particolare ringraziamento per la pazienza e il coraggio di pubblicare questi miei pensieri siderei.

Francesco Scarpato

 

[La musica della Natura racchiude in sé ogni cosa, poiché è qui la grande musica cosmica, la meravigliosa armonia dei cieli, elementi e di tutte le creature] ATHANASIUS KIRCHER

 Torna indietro

 

home page