La guida dei Campi Flegrei

Il turismo culturale nei Campi Flegrei

home

pag. 3

Isolotto di Vivara


Indice


vai indietro

 

Torna alla mappa topografica

 

home page

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

vai su all'indice

Ritrovamenti di selci

L'isola di Vivara - come del resto l'intera regione Campania - Ŕ del tutto priva di giacimenti metalliferi. Nonostante ci˛, nell'arco dei secoli che videro la sua fioritura nel corso della media EtÓ del Bronzo, nella prima metÓ del II millennio a.C., divenne uno dei principali centri per il commercio del metallo del bacino centrale del Mediterraneo, crocevia obbligato nelle rotte fra Oriente e Occidente.

Questo suo ruolo era legato alla particolare posizione geografica, che la rendeva un ideale punto di controllo per l'accesso al Golfo di Napoli e, conseguentemente, un formidabile avamposto per l'apertura al Medio e Alto Tirreno.

Essa era infatti fornita di porti naturali e strategicamente ben difesa, grazie alle alte scogliere, da eventuali attacchi nemici: era sufficientemente vicina alla costa campana da rendere agevoli i contatti con essa, ma nel contempo abbastanza distante da sconsigliare tentativi di attacco da parte di eventuali comunitÓ ostili della terraferma.

 

Forno

Questo insieme di fattori naturali ne faceva un'ideale testa di ponte verso le ricche regioni minerarie del Tirreno centrale e settentrionale, dove erano localizzati importanti affioramenti di minerali metallici, fra i quali il rame. ...

E' assai verosimile che l'arcipelago flegreo costituisse il terminale di materie prime, prodotte in varie localitÓ dell'area tirrenica, che qui giungevano alimentando una florida industria metallurgica prima di essere smistate e incanalate verso i ricchi porti del Mediterraneo Orientale. 

Probabilmente all'antico navigante dell'EtÓ del Bronzo che, entrato nel Golfo di Napoli, si dirigeva verso la costa, non passavano inosservati i fuochi che, sia durante il giorno che la notte, dovevano punteggiare la superficie di Vivara.

Essi erano prodotti dai forni fusori all'opera per permettere di trasformare in oggetti d'uso il metallo che raggiungeva l'isola sotto forma di manufatti, rottami, lingotti e forse anche di minerali. ...

CONTINUA