Forme e tecniche della fotografia artistica:

Lomografia

 

Non è una nuova tecnica fotografica, potremmo definirla un "modus operandi" intorno al quale si è sviluppato un movimento artistico (Lomography) con oltre 25.000 aderenti, un congresso mondiale con molte ambasciate lomografiche in tutto il mondo. Il gran numero di siti internet dedicati alla lomografia danno subito l'idea della portata di questo particolare fenomeno.
Anche la rivista d'Arte on-line Exibart riporta testualmente: "La lomografia è una vera e propria corrente culturale, gli appassionati e i cultori di questa piccola e semplice macchina fotografica a mirino galileano hanno una loro "Lomosofia" sintetizzata nelle 10 regole auree ufficiali:

  1. Porta la tua lomo ovunque tu vada

  2. Usala sempre giorno e notte

  3. La lomografia non è un'interferenza nella tua vita, ma parte di essa

  4. Avvicinati il più possibile agli oggetti del tuo desiderio lomografico

  5. Non pensare

  6. Sii veloce

  7. Non devi sapere in anticipo cosa verrà catturato dalla tua pellicola

  8. Non devi saperlo neanche dopo

  9. Spara dall'anca

  10. Fregatene delle regole

Questa mini macchina fotografica progettata da una società dell'Unione Sovietica, LOMO (acronimo di Leningràdskoe Optico Mechanischéskoe Objedienieine - Sindacato degli Ottici e dei Meccanici di Leningrado), specializzata in strumenti ottici per l'esercito: ancora oggi viene realizzata manualmente a S. Pietroburgo, ma in numero limitato.
Io ho avuto la fortuna, 9 anni fa circa, di comprarne un esemplare, con impressa la sigla USSR, al mercatino dei Polacchi "sulle palazzine" (ex Rione Palazzine) di Pozzuoli al modico prezzo di £ 30.000.
In pratica, questo apparecchio fotografico è in grado di produrre fotografie ricche di luce e di colore, anche in scarsa presenza di luce. Infatti la resa migliore si ha quando si fotografa negli interni o le luci notturne della città. Tutto ciò è reso possibile da un sensibilissimo esposimetro, dalle particolarità delle lenti e dei rivestimenti ottici.
Dietro questa semplice spiegazione tecnica, si avverte (e questa è sicuramente l'aspetto più interessante) un bisogno di aprirsi ad una dimensione creativa collettiva; "l'anarquia fotografica" della lomografia, così definita da un sito internet in lingua spagnola, esprime il desiderio di uscire dai vecchi apparati giustificativi dell'Arte.
Ho iniziato questo viaggio lomografico con una foto scattata quasi inconsapevolmente, attenendomi scrupolosamente alla 7^ e 8^ regola d'oro della Lomography:

"Non devi sapere in anticipo cosa verrà catturato dalla tua pellicola... Non devi saperlo neanche dopo".

 

Foto e testo di: Peppe Del Rossi