La legge di Henry

Servizio a cura di: Mario Colabella

Argomento precedente:            LA LEGGE DI DALTON 
 

Il caldo era incessante …stappò una bottiglia presa dal frigorifero e ne versò il contenuto in un bicchiere … mille bollicine resero festosa la bibita ed egli la gustò in tutto il suo frizzante sapore.

*****

La Legge di Henry che ci accingiamo ad esaminare riguarda la solubilità dei gas nei liquidi, di cui abbiamo appena fatto un esempio.

Un gas che esercita una pressione sulla superficie di un liquido, vi entra in soluzione finché avrà raggiunto in quel liquido la stessa pressione che esercita sopra di esso.

Quando all'interno del liquido la pressione del gas entrato in soluzione raggiunge lo stesso valore della pressione esercitata dallo stesso gas all'esterno, il liquido si definisce saturo di quel gas a quella pressione.

Tale stato di equilibrio permane fino a quando la pressione esterna del gas resterà inalterata, altrimenti, se essa aumenta, altro gas entrerà in soluzione; se diminuisce, il liquido si troverà in una situazione di sovrasaturazione ed il gas si libererà tornando all'esterno fino a quando le pressioni saranno nuovamente equilibrate.

La velocità, con cui un gas entra in soluzione o si libera, varia in funzione della differenza delle pressioni (esterna e interna) ed è condizionata dalla sua composizione molecolare e dalla natura del liquido solvente.

Il fenomeno di decompressione, se avviene velocemente (a causa di una repentina diminuzione della pressione esterna del gas), si dice tumultuosa perché provoca la formazione di numerosissime bolle, così come succede quando stappiamo una birra o uno spumante.

Un aspetto fondamentale sta nel fatto che ogni gas, così come specificato nell'argomento relativo alla Legge di Dalton, entra in soluzione o si libera indipendentemente da ciò che fanno gli altri gas presenti.

L'importanza di quanto espresso, sarà avvertita quando parleremo della respirazione, della velocità di risalita e delle necessarie di tappe di decompressione che ci consentono non incorrere in MDD (Malattia Da Decompressione).

 

Argomento successivo:            LE CELLULE ED I TESSUTI 

Mario Colabella

DIDATTICA

home page