La legge di Dalton

Servizio a cura di: Mario Colabella

Argomento precedente:            LA LEGGE DI CHARLES 

La Grande Mela … finalmente era riuscito ad andarci ed adesso passeggiava, confuso tra la folla di quella grande città multirazziale.

Americani, Portoricani, Cinesi, Italiani, genti di tutte le razze con le proprie tradizioni culturali e le proprie abitudini, provava una strana sensazione nel constatare tanta promiscuità senza che la stessa potesse alterare le varie civiltà …

*****

Ancora una volta prendiamo spunto da un aneddoto per entrare nel vivo dell'argomento che ci accingiamo ad esaminare.

I vari gas che compongono l'aria sono presenti in quantità diverse come diverso è il numero delle persone, per ogni razza, che vivono in New-York.

Come tutti gli abitanti della metropoli americana (indipendentemente dall'estrazione razziale) formano insieme la cittadinanza, così le caratteristiche fisiche dell'aria (peso e pressione) sono attribuite dall'insieme dei gas che la compongono.

Sulla base di quanto affermato, possiamo citare la legge di Dalton:

La pressione esercitata da un miscuglio gassoso è pari alla somma delle pressioni parziali che ciascun gas eserciterebbe da solo occupando lo stesso volume del miscuglio

Inoltre, come ogni cittadino di New-York conserva le proprie tradizioni culturali derivanti dalla razza di appartenenza, così ogni gas del miscuglio aeriforme agisce in modo indipendente dalla presenza degli altri gas.

Nell'aria sono presenti:

Azoto

(nella percentuale del 78%)

Ossigeno

(nella percentuale del 20,96%)

Anidride carbonica

(nella percentuale dello 0,03%)

Altri gas

(nella percentuale dell' 1,01%)

Al livello del mare le pressioni parziali dei vari gas sono:

Azoto

592,800 mm Hg

Ossigeno

159,296 mm Hg

Anidride carbonica

0,304 mm Hg

Altri gas

7,600 mm Hg

Aria

760 mm Hg

 

Argomento successivo:            LA LEGGE DI HENRY 

Mario Colabella

DIDATTICA

home page