San Gennaro

Monastero dei Cappuccini


Campi Flegrei - Pozzuoli - Santuario di S. Gennaro.

Indice:


Informazioni per il visitatore

Come raggiungerlo

 

vai indietro
 
 

Home
 
 
 

home page

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

vai su all'indice

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

vai su all'indice

I MARTIRI DI POZZUOLI 

Siamo nel 305 d.C., le province dell'Impero sono scosse dal furore della caccia al cristiano, ordinata da Diocleziano per dare dello stato un'immagine di apparente forza, mentre le strutture amministrative e militari scricchiano, rose dal tarlo delle contraddizioni. I tempi sono maturi per l'ingresso trionfale del Cristianesimo nella società.

Campi Flegrei - Pozzuoli - Santuario di S. Gennaro.

L'esterno del Santuario di S. Gennaro a Pozzuoli

Gli alti funzionari di Roma, che sono preposti alle istituzioni puteolane e delle altre località flegree, sono tutti occhi e orecchi per scorgere ed (origliare) segnali, che possono venire dai seguaci della nuova religione.

A termine di un rito eucaristico, a Miseno viene arrestato il diacono Soss(i)o, che gode fama di santità. Egli è legato da fraterna amicizia con Procolo, diacono di Pozzuoli.

Caio Valerio Proculo freme, sapendo che il suo carissimo correligionario è rinchiuso nelle carceri puteolane, in attesa di un giudizio, che certamente si concluderà con la condanna ad bestias, da eseguirsi nell'arena dell'anfiteatro Flavio. Non esita un attimo - incurante dei pericoli - a prendere la decisione, che ha maturato in animo: coi laici suoi collaboratori Eutichete ed Acuzio cerca di contattare il levita misenese per fargli giungere parole di conforto.

Campi Flegrei - Pozzuoli - Santuario di S. Gennaro.

L'interno del Santuario di S. Gennaro a Pozzuoli

Procolo è impressionato nel vederlo così debilitato un giorno, che riesce a visitarlo clandestinamente con la complicità di un carceriere cristiano. Soss(i)o porta i segni di pesanti percosse.

A cavallo, in compagnia dei suoi fedeli amici, si presenta al Governatore della Campania. Supplica e protesta: "Dovete liberare Soss(i)o! E' un cittadino romano, la sua famiglia vanta numerose benemerenze verso Roma!". Per tutta risposta, si vede ammanettato. Poi richiamano Marco Aurelio Eutichete e Sesto Acuzio Salutare, che erano in anticamera e vengono anch'essi messi ai ferri. Il 2 giugno i tre seguaci di Cristo sono nel carcere, dove già da qualche settimana è rinchiuso Soss(i)o.  

Campi Flegrei - Pozzuoli - Santuario di S.Gennaro

Il busto della statua raffigurante S. Gennaro

Sono ancora in carcere i diaconi Soss(i)o, Procolo e i laici Eutichete ed Acuzio quel 17 settembre, quando giungono a Pozzuoli il vescovo Gennaro, il diacono Desiderio e il lettore Festo, arrestati di nottetempo nella retata, organizzata dai servizi di sicurezza del nuovo Governatore Aulo Timoteo, succeduto a Gneo Draconzio Labieno.

Il vescovo di Benevento e i suoi collaboratori a Nola hanno riportato pure essi la condanna ad bestias e saranno gettati in arena insieme ai cristiani flegrei incarcerati, per essere sbranati dalle fiere, l'indomani.

 

Campi Flegrei - Pozzuoli -Monastero di S. Gennaro.
L'affresco, all'interno della chiesa, che ricorda il miracolo dell'Anfiteatro Flavio

Nell'Anfiteatro Flavio si ha il miracolo portentoso, che fa parte della tradizione religiosa della Chiesa campana. Le bestie si inginocchiano al cospetto dei sette confratelli di fede. Trasferiti al foro, seduta stante, il Magistrato giudicante li condanna alla decapitazione.

 

Campi Flegrei - Pozzuoli - Santuario di S. Gennaro.

Rilievo all'interno del Santuario. Particolare della decapitazione

Sulla collina della Solfatara, dove l'acre odore dello zolfo richiama alla memoria i miti pagani di Efesto e dell'infernale Flegetonte, cantando il pater Noster, Gennaro, Proculo, Soss(i)o, Eutichete, Acuzio, Festo e Desiderio, uno ad uno, poggiano il capo sul cippo su cui si abbatte la mannaia del carnefice.
E' il 19 settembre del 305 d.C.

Gianni RACE   "Pozzuoli: storia, tradizioni e immagini"


Informazioni per il visitatore

Il Monastero:

Telefono 0815261114.

E' possibile scattare foto o effettuare riprese.

Si invita il visitatore a tenere un comportamento rispettoso per l'ambiente. I trasgressori saranno puniti secondo la legge.


Come raggiungerlo
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

vai su all'indice

Viabilità:

da Napoli (autostrade)

Imboccare Tangenziale di Napoli verso Pozzuoli. Uscita n. 11 Agnano. All'incrocio, svoltare a sinistra in direzione Napoli - Bagnoli - Fuorigrotta. Proseguire diritto oltrepassando i semafori. Arrivati all'incrocio con la via Domiziana, girare a destra dei semafori immettendosi sulla Via Domiziana direzione Pozzuoli e proseguire fino al Monastero che è situato a pochi metri dalla Solfatara. 

da Napoli (centro - stazione centrale di piazza Garibaldi)

Direzione Porto - Piazza Municipio. Proseguire per Mergellina e Fuorigrotta. Qui c'è la possibilità di imboccare la Tangenziale direzione Pozzuoli, oppure proseguire per la via Domiziana fino ad arrivare all'incrocio per Pozzuoli - Agnano. Girare a sinistra dei semafori immettendosi sulla Via Domiziana direzione Pozzuoli e proseguire fino al Monastero che è situato a pochi metri dalla Solfatara.

da Roma a Napoli - via Domiziana 

Proseguire per Baia Domizia, Mondragone, Castel Volturno. Poi percorrere la strada a scorrimento veloce variante SS. n° 7 Quater che immette sulla Tangenziale di Napoli (Uscita n. 11 - Agnano), oppure percorrere la via Domiziana (SS. n° 7 Quater). Seguire indicazioni per Pozzuoli, Napoli. Il Monastero è situato a pochi metri dopo la Solfatara.