Astroni


 

Indice:


Informazioni per il visitatore

Come raggiungerlo

 

 

vai indietro

 

Home

 

home page

 

 

 

 

 

 

 

vai su all'indice

Il cratere degli Astroni … è ubicato nell’area centro-orientale dei Campi Flegrei. A caldera ellittica, misura 2 Km circa in senso est-ovest e 1,6 circa in senso nord-sud. L’interno è una vasta depressione, dove emergono alcuni rilievi: il Colle dell’Imperatrice (82 metri sul livello del mare), la Rotondella (73,8) e i Pagliaroni (54,1). La quota massima è di 255, mentre la più bassa, 9, è al livello del Lago grande.

La genesi del vulcano si verificò 3700 anni fa, con una breve attività. Nella sua formazione si riconoscono tre fasi: risalita di magma dal condotto di alimentazione, con formazione del duomo lavico della Caprara; interazione magma-acqua di falda, fuoriuscita esplosiva violenta di ceneri, lapilli, pomici e scorie e formazione dell’edificio craterico; attività magmatica a bassa esplosività, con origine dei rilievi interni.

Le ultime manifestazioni vulcaniche sono state di tipo fumarolico e idrotermale. A queste si collega l’uso delle sorgenti di acqua sulfurea, già utilizzate come stazione termale nell’antichità. Nel XIII secolo Pietro da Eboli le cita come Balneum Astruni, la cui acqua giovava particolarmente agli occhi sofferenti, aveva potere decongestionante e curava i reumatismi. Nel 1667 Sebastiano Bartolo le localizzò presso il laghetto della Caprara.

Divenuti riserva reale di caccia in età aragonese, sotto Alfonso I, che li circondò con un alto terrapieno, gli Astroni furono dotati dell’attuale "Torre Centrale" d’ingresso a due livelli da Don Pedro de Toledo e forse delle altre due, "Torre Lupara" e "Torre Nocera", in funzione di avvistamento.

La tenuta, alienata a privati nel 1692, fu donata ai Gesuiti, che la cedettero a Carlo III di Borbone. Ridivenuta tenuta di caccia reale, risalgono a tale epoca il muro di cinta e la Vaccheria, utilizzata come casino di caccia.

Recentemente (25.04.1992), dopo varie vicende, è stata inaugurata la Riserva Naturale dello Stato "Cratere degli Astroni", gestita direttamente dal WWF Italia, affiancata da un Comitato Tecnico Scientifico. Per esigenze di ripopolamento e conservazione delle flora e fauna locali, nonché della fruizione della Riserva, sono attivi un Centro di Educazione ambientale.

Il percorso è pertanto limitato al fondo del cratere, essendo momentaneamente chiuso quello sulla cresta.

Paolo CAPUTO e Maria Rosaria PUGLIESE   " La via delle terme "


Informazioni per il visitatore

 

 

vai su all'indice

Parco degli Astroni:

Telefono 0815883720.

Orario visite: dalle ore 10:00 alle ore 14:00.

E' possibile scattare foto o effettuare riprese.

Si invita il visitatore a tenere un comportamento rispettoso per l'ambiente. I trasgressori saranno puniti secondo la legge.

Può essere pericoloso avventurarsi fuori dai percorsi previsti.


Come raggiungere il Parco degli Astroni

 

 

 

 

 

 

 

vai su all'indice

Viabilità:

da Napoli (autostrade)

Imboccare Tangenziale di Napoli verso Pozzuoli. Uscita n. 11 Agnano. All'incrocio, svoltare a destra in direzione Pianura. Proseguire lungo la strada che si arrampica sulla collina fino ad arrivare nel piazzale adiacente ad un tornante della via che prosegue in salita verso Pianura. E' possibile parcheggiare nel largo piazzale dal quale si accede all'ingresso del parco.

da Napoli (centro - stazione centrale di piazza Garibaldi)

Direzione Porto - Piazza Municipio. Proseguire per Mergellina e Fuorigrotta. Qui c'è la possibilità di imboccare la Tangenziale direzione Pozzuoli, oppure proseguire per la via Domiziana fino ad arrivare ad Agnano oltrepassando l'ippodromo e superando, proseguendo diritto, l'ingresso della Tangenziale. Proseguire lungo la strada che si arrampica sulla collina fino ad arrivare nel piazzale adiacente ad un tornante della via che prosegue in salita verso Pianura. E' possibile parcheggiare nel largo piazzale dal quale si accede all'ingresso del parco.

da Roma a Napoli - via Domiziana   

Proseguire per Baia Domizia, Mondragone, Castel Volturno. Poi percorrere la strada a scorrimento veloce variante SS. n° 7 Quater che immette sulla Tangenziale di Napoli (Uscita Agnano), oppure percorrere la via Domiziana (SS. n° 7 Quater). Seguire indicazioni per Pozzuoli, Napoli, Agnano (ippodromo) e ingresso Tangenziale. Proseguire lungo la strada che si arrampica sulla collina fino ad arrivare nel piazzale adiacente ad un tornante della via che prosegue in salita verso Pianura. E' possibile parcheggiare nel largo piazzale dal quale si accede all'ingresso del parco.