LE MAPPE

Cliccando sull'icona si ottiene l'ingrandimento dell'immagine. Alcune mappe, per ottenere una discreta leggibilità, non sono state ridotte di molto nelle dimensioni, pertanto la visione può richiedere alcuni secondi.
Si consiglia di scaricarle sul proprio disco fisso, cliccando sul corrispondente file zip, e visionarle con calma a collegamento concluso. In questo modo, oltre al risparmio economico e di tempo, si potranno visualizzare le mappe al 100% e con una qualità decisamente migliore.
 

Clicca per ingrandire

mappa_1.zip (665 Kb)

Mappa n.1: Hondius Judocus, "POZZUOLO", da "Nova et accurata Italiae hodiernae descriptio", Lugduni Batavorum apud Bonaventuram et Albrai.

Stampa da incisione in rame.

Campo inciso: mm 175x263

Hamum Helzevir Academiae Tipograph 1627

Clicca per ingrandire

mappa_2.zip (565 Kb)


Mappa n.2: Giuseppe Mormile, "DESCRITTIONE DI TUTTO L'AMENISSIMO PAESE DI POZZUOLO E LUOGHI CONVICINI". Napoli 1670.

Stampa da incisione in rame su pergamena, di notevole valore, soprattutto per l’esauriente tabella esplicativa, posta alla sinistra della mappa.

Questa è posizionata, secondo la tradizione di questa specifica cartografia, con in alto  il punto cardinale di SUD-OVEST, come si evince dalla Rosa dei Venti posizionata nel Golfo di Pozzuoli.

La tabella esplicativa è qui riportata:

*A Chiesa di Santa Maria di Piedigrotta.-   B  Mergellina, luogo delitiosissimo, già Villa del Dottissimo Poeta Jacopo Sannazaro,  dove egli vi fece una bella Chiesa, e Monasterio in honore della   Reina de’ Cieli,  chiamandola S.Maria del Parto,  nella cui Chiesa si vede  la superba sua sepoltura tutta di marmo.-   C  Sepoltura del gran Poeta Virg. Marone, che stà sopra dell’entrata della  Grotta.-     D    L’uscita     della grotta, che i paesani dicono fuori grotta.-    E  La grotta per la quale si và da Napoli à Pozzuolo, fatta da Cocceio, che passa per sotto il monte di Posilipo, cavata artificiosamente nel sasso, da un miglio in circa. -    F  Grottà  chiamata delli Cani, nella quale ogni cosa viva, che v’entra, muore. -   G  Lago d’Agnano, che non produce altro che rane. -  H  Sudatorij, e fumarole d’Agnano, utili à molte infermità. -  I  Monte di Spina. -   K  La Lumiera dell’alume. -  L  La Solfatara, da Latini detta Forum Vulcani, dove sono l’acque bollenti, & essalationi caldissime. –  M  Chiesa, e Monasterio di S. Gennaro, nel qual luogo fù decollato detto Santo.  -  N  Li Bagnoli. -  O Strada selicata antica sotto il mare. –  P   Capo d’Agnone. -  Q  La grotta di Sillano. -  R  La Gaiola scoglio tanto grande e spatioso, che dall’una parte, e l’altra si passa il mare, dove si veggono superbi vestigi d’edifici antichi nel suo lido. –    S   Capo di Posilipo, promontorio delitiosissimo, tutto pieno di viti. -  T  Capo di Mergellina, luogo dilettevole, e celebre per la villa di Jacopo Sannazaro, amico delle Muse. -  V   Nisita isoletta molto aprica, e bella, detta da Latini Nesis.  -   X  Pontone.  -  Y   Li Bagni. -  Z   Ruine di molte antiche peschiere.

* AA  Molo di Pozzuolo, opera magnifica, e superba. -  BB  L’Astruni, luogo rinchiuso fra colli, dov’è la caccia riserbata per lo Rè, e dentro vi sono de’ piccioli laghi, con due bagni d’acque calde. -  CC Monti dell’alume, già detti Leucogei Montes, cioè monti bianchi, dove si cava l’alume di Rocca. -  DD   Tempio antico, che fù consecrato à Diana. -         EE  Anfiteatro, che i paesani chiamano Coliseo. – FF  Tempio di Nettuno. -  GG  Chiesa dell’Annunziata, dove vi è un honorato Ospedale per li poveri infermi. -   HH  Villa di M.T.C. della Romana eloquenza padre. --   II  Monte Barbaro, già detto Gauro, celebrato da gli Antichi per la bontà dei vini, hora sterile. -  KK  Dohana antica. -    LL  Chiesa, e Monasterio di S. Francesco. -   MM  Ruine di molti edificij. -   NN  Patria, da Latini detta Linternum, luogo  famosissimo per la sepoltura di Scipione  Africano. -  OO  Stagno d’acqua. -   PP  Arco Felice, per lo quale si andava alla città di Cuma, come per una porta. -  QQ  Montagna nova tutta di cenere, fatta in una notte l’anno 1538, per l’empito del fuoco, che uscì dalle viscere della terra, onde coperse, e soffocò molti bagni, con il pescoso lago Lucrino, ruinando anche Tripergole. -   RR  Parte del lago Lucrino, che hora è di niuna rendita, come al tempo de’ Romani. -   SS  Bagno di Sergiano. -   TT  Lago Averno. -    VV  Tempiod’Apollo. -   XX  Villa di Pompeo. -   YY   Castello di Baia, dove risiedono molti soldati per guardia del luogo. -    ZZ  Porto Giulio, appresso il quale si vede la Piscina mirabile, con le cento camerelle, già cisterne per tener acqua.

* AAA   Anfiteatro antico. -   BBB  Monte Miseno, così detto dal trombettiere d’Enea, in pie’ del quale vi è la grotta Dragonaria, che era cisterna. -   CCC  Mercato  di Sabbato da paesani detto, ma i vestigi mostrano che fusse stato un Cerchio per fare i giuochi Equestri, dove l’imper. Nerone celebrò le feste Quinquatri. -   DDD  Bauli villa, luogo delitioso d’Agrippina madre di Nerone imper. -   EEE  Li monti di Procida. -   FFF   Capo della Gavita.-  GGG  Mare morto.

Clicca per ingrandire

mappa_3.zip (627 Kb)

Mappa n.3: Salmon, "CARTA GEOGRAFICA DELLA TERRA DI LAVORO, OSSIA DELLA CAMPANIA FELIX"

Stampa da incisione su rame. Campo inciso mm 330x410
Fran. Sesone incise - Napoli, 1763.

Allegato all'opera di Salmon: "Storia del Regno di Napoli" - Napoli, 1763.

Clicca per ingrandire

mappa_4.zip (469 Kb)

Mappa n.4: Marcello Eusebio Scotti, "CARTA COROGRAFICA DI MISENO E CUMA"

Stampa da incisione in rame. Campo inciso: mm 245x290.
N.D.G. De Grado incisore. Napoli, 1775.

Allegata all'opera di Marcello Eusebio Scotti: "CAMPI FLEGREI, GEOGRAFIA STORICA" - Napoli, 1775.

Clicca per ingrandire

mappa_5.zip (253 Kb)

Mappa n.5: De Laurentis, "CARTA DI CAMPANIA FELIX"

Stampa da incisione in rame. Campo inciso: mm 300X375. Napoli 1826.

Allegata all'opera del medesimo autore:
"CAMPANIA FELIX" - Napoli, 1826.

Home Page