La guida dei Campi Flegrei

Il turismo culturale nei Campi Flegrei

home

Torre di Toledo


Quando tutto appare un quadro di morte e di rovine e la speranza è solo un fantasma fatuo, che si aggira tra rovine di monumenti antichi e di case diroccate, un uomo di grande statura politica e aperto ai vasti orizzonti del progresso e della cultura, diventa l’artefice della rinascita di Pozzuoli: don Pedro de Toledo, viceré di Napoli. […]

Pozzuoli - Campi Flegrei - Torre di Toledo

La Torre di Toledo oggi

Lo si vide a cavallo dall’alto della collina della Solfatara osservare lo spettacolo terrificante di Monte Nuovo nei giorni orribili dell’eruzione, lo si rivede nei primi mesi del 1539 a Pozzuoli, esaminando carte e consultando i personaggi, che lo accompagnano. …

“Pozzuoli risorgerà più bella di prima!” sono le sue uniche parole, che ascoltano tutti i presenti. […]

Tornato a Napoli, firma il primo provvedimento a favore dei puteolani: esonero dai tributi per chi torna ad abitare la sua città. L’esempio viene da lui stesso. Il viceré ordina al suo architetto Ferdinando Manlio un palazzo maestoso, con una torre e un giardino lussureggiante e spazioso (viridarium) da fare invidia.

I resti della Torre di Toledo da altra prospettiva

Pozzuoli - Torre di Toledo da altra prospettiva

Vengono invitati famosi pittori, tra cui il Vasari, ad affrescare le stanze. Nel 1540 inaugura il palazzo, che sorge là dove sarà situato il vecchio Ospedale di Santa Maria delle Grazie.

Nel palazzo di don Pedro ancora nel 1606 (Parrino) si ammirava un gruppo marmoreo di Venere ed Eros; una statua di Hermes; due archi decorativi, l’uno su quattro e l’altro su sei colonne di porfido; tre fontane, una ornata di conchiglie, una con il trio marmoreo di Primavera-Estate e colonne di marmo purissimo; infine un tavolo regale, tutto di marmo, coi piedi istoriati.

Pozzuoli - Torre di Toledo - Particolare delle feriotie

Particolare delle feritoie

Il viceré invita nobili e patrizi delle famiglie più in vista della città di Napoli a seguire il suo esempio e il popolo degli sfollati a fare altrettanto.

Gianni RACE “Pozzuoli: storia, tradizioni e immagini”


DOVE SI TROVA