La guida dei Campi Flegrei

Il turismo culturale nei Campi Flegrei

home

 DOVE SI TROVA

FUSARO

Chiamato dagli antichi Palus Acherusia, conosciuto da Licofrone e descritto da Strabone, il Lago Fusaro prese questo nome soltanto nel periodo angioino, quando fu utilizzato per la macerazione della canapa, che si coltivava nel territorio cumano.

Di proprietà dei Borboni, dal momento che Carlo III lo acquistò dallo Stabilimento dell’Annunziata per appagare la sua passione venatoria, organizzando battute di caccia nel vicino bosco (Pineta) e pescate nel lago.

Il comprensorio fu valorizzato e abbellito da Vanvitelli padre, progettista delle opere, connesse alla costruzione degli edifici e fabbricati, necessari alla piscicoltura e mitilicoltura.

Gianni RACE "Bacoli Baia Cuma Miseno: Storia e mito"


... Una sottile fascia costiera separa il lago dal mare formando un eccezionale ecosistema di enorme interesse ambientale in cui è visibile la tipica duna litoranea, composta da una variegata vegetazione spontanea, la cosiddetta macchia mediterranea.

... Agli inizi del nostro secolo, il lago Fusaro e le strutture annesse: la Real Casina, la cosiddetta Ostrichina, il Gran Restaurant, i Padiglioni (stalloni) e il verde Parco, facevano tutti parte di un’unica enorme azienda capace di fornire pane e lavoro a centinaia di persone.

     Ciro AMOROSO

 DOVE SI TROVA 

TORREGAVETA

Meta frequentatissima in estate di bagnanti, anticamente faceva parte del litorale cumano. La sua specifica denominazione, è molto più recente, forse ancor più di quella di Cappella. Viene fatta risalire infatti, al tempo in cui il Viceré Don Pedro Alvarez de Toledo marchese di Villafranca, con l’ordinanza del 1532, stabiliva che lungo tutto il litorale fossero costruite delle torri di avviso. Così anche Miseno, Monte di Procida e Cuma (Torregaveta) ebbero le proprie torri.

Quella di Torregaveta, sorgeva sul più alto promontorio che cade a picco sul mare, e fu perciò denominata dalla ricorrente tradizione popolare “àvuta” (alta N.d.R.) da ciò il nome, poi trasformato, di Torre àvuta.

Secondo l’Annecchino invece, quella località era già denominata “gavèta” o “gavetello” e quindi la torre sarebbe poi diventata della “gavèta”.

Questo centro appare oggi notevolmente sconvolto dagli scavi per il ricavo della pozzolana, ma ha sostanzialmente conservato gran parte del suo naturale fascino. Si gode infatti della rara visione di Ischia e Procida, che sembrano tanto vicine da poterle raggiungere allungando un braccio. In realtà qui più che altrove, la natura geologica del territorio si presenta in tutta la sua tortuosa realtà.

Archeologicamente, l’aspetto più interessante, è rappresentato dai resti dell’antica villa di Servilio Vatia, detto l’Isaurico, a causa della schiacciante vittoria riportata nel 79 a.C. sugli Isauri.

La stupenda villa dell’abile uomo d’armi, era sì costruita ed arredata con raffinatezza, ma era al tempo stesso, grazie soprattutto alla strategica posizione che aveva sul mare, una vera e propria fortezza autosufficiente.

Purtroppo non restano che pochi avanzi, dal momento che cave di pozzolana e i bunker ricavati, durante l’ultimo conflitto mondiale, nella crosta tufacea, ne hanno notevolmente alterato la consistenza.

In quel posto, sono state rinvenute stupende statue d’imperatori ed uomini famosi.

Gianni PICONE “Da Posillipo a Cuma”

Campi Flegrei - Torregaveta: Il promontorio.

Il promontorio di Torregaveta

Torregaveta

Alcune strutture archeologiche alla base del promontorio di Torregaveta

SITI DI INTERESSE IN ZONA:

 Torna indietro