La guida dei Campi Flegrei

Il turismo culturale nei Campi Flegrei

home

 

Bagnoli


Bagnoli - arenile

L'arenile di Bagnoli. Sullo sfondo la caratteristica sagoma della collina di Posillipo

"Depositaria fortunata di quattro efficacissime sorgenti idrotermali, di un clima saluberrimo e d’una lunghissima spiaggia con bagni minero-marini, essa attira durante i quattro mesi estivi, migliaia di famiglie napoletane e numerosi infermi da quasi tutte le province del Regno". Così descriveva Bagnoli, all’inizio del nostro secolo Wladimiro Frenkel.

In effetti sono notevoli le testimonianze fino a quel periodo del ruolo giocato da questa incantevole località flegrea frequentatissima, fino a quando non venne impiantata l’ILVA, poi ITALSIDER, che ha trasformato Bagnoli, in un tetro agglomerato di case color ruggine, dovuto all’attività dei vapori di scarico, soffocandone ogni attività turistica e termale.

La particolare protuberanza tufacea della collina di Posillipo, detta "dente di cane"

Bagnoli - dente di cane

Anticamente Bagnoli, che occupa quella fascia costiera fra le colline di Posillipo e Pozzuoli, oltre alle funzioni termali doveva assolvere molto probabilmente a quelle annesse al porto-emporio di Pozzuoli.

La sua denominazione deriva da Balneolis (piccoli bagni) e quindi la caratteristica di questo luogo è da ritenere proprio quest’ultima, ed è stata tale fino alla fine dell’800 inizi ‘900, quando cioè inopportune ed errate scelte ne hanno alterato l’aspetto rendendola, da ridente località turistica, a oppresso e soffocante quartiere-ghetto.

Bagnoli: i pontili dell'ex stabilimento siderurgico

Sui suoi quattro stabilimenti termali presenti all’inizio del secolo e oggi quasi totalmente scomparsi o in disuso, avevamo nella piazza di Bagnoli la fonte del Tricarico, antica fonte Juncaria … , scoperta nel 1882, la sua temperatura era di 53° ed era indicata per la cura di dolori muscolari, ossei e reumatici.

Sempre in piazza, sorgeva il bagno Manganella, antico balneum balneoli, la cui acqua … aveva una temperatura di 42°, indicata perciò per nevralgie, malattie ginecologiche e della pelle. Così come il bagno Masullo, scoperto nel 1827, … con la temperatura di 55°, indicato per dolori reumatici ed artriti.

Infine il bagno Cotroneo, scoperto nel 1831 la sua acqua era … indicata per anemie ed affezioni dell’apparato digerente.

Gianni PICONE "Da Posillipo a Cuma"


Torna indietro